giovedì 21 dicembre 2017

I cambi di stagione: solstizio d'inverno


In occasione di solstizi o equinozi, quindi al massimo quattro volte l'anno, riprendo qui un testo dagli archivi. Specifico solo il caso dei testi editi. Le immagini che accompagnano questi post sono tagli e rotazioni (di 90°, 180° o 270°) dalle tavole


Inverno 2013-14 (L’ippocampo)




Pare inverno con la neve
alta su tanta terra.
Le scuole chiuse in America,
motori accesi ventiquattro ore.
E pure certe temperature…
e io, io sprofondo su questo.

Qui s’inventa una pioggia calda
sul gregge, i muli e sull’impermeabile
giallo del pastore che chiude.
Guardiamo intanto i rami dei fiumi
marroni. Ci sono ancora
le isole di ghiaia al centro
e qualche pulcino finito
sul cemento si disperde.
Ripenso che avevi ragione a dirmi
prima di nascere tu eri
un cavalluccio marino.
Avevi proprio ragione a dire.

Lo sappiamo che è una tenera
imitazione della vita tutto questo, 
un regesto presto scorso o dimenticato.

4 commenti:

  1. (Chiedo la cortesia di firmare i commenti, grazie.)

    RispondiElimina
  2. No, il contrario, l'anonimo è stato un errore da tablet.

    RispondiElimina